18 luglio 2006

...è tempo di andare

.....è tempo di andare
anche l'ultimo trasporto è partito più nulla ci trattiene quì,
si potrebbe pensare ad un'avventura finita male, una storia
da dimenticare, forse, ma questa guerra segnerà a lungo
le nostre matrici, così come resterà in quelle dei fratelli
nemici in questo frangente.
Il desiderio di potere e sopraffazione non ha tempo e non ha
luogo, sempre si manifesterà per tutte le galassie, per questo
che il ricordo non và cancellato, lo terremo sopito, senza
desiderio di vendetta ma non cancellato, gli eventi potrebbero
ripetersi, in altre forme e in altri tempi e l'origine che li genera
non cambia, l'accesso all'energia e il controllo delle razze meno
evolute sono sempre stati gli imput di partenza delle azioni.
Non è stato facile, abbiamo resistito con tutti i mezzi possibili,
ma alla fine la scelta di distruggere il pianeta per non lasciarlo
in mano al male del momento è stata inevitabile, non si poteva
permettere che tecnologie così evolute finissero in mano
a razze senza scrupoli, l'energia è vitale per tutti e di tutti
dovrebbe essere, il controllo non solo può essere deleterio
ma l'uso improprio è fonte di conquista fatta a caro prezzo
per chi si trova costretto a subirla.
L'ordine cosmico ha le sue regole evolutive, ogni razza ha
il suo cammino e il diritto di percorrerlo, troppe mutazioni
genetiche sono state effettuate per scopi di puro potere.
Ci resta la consolazione che le matrici originarie sono
immutabili anche se le scelte di campo potrebbero non
collimare e ancora ci troveremo di fronte l'eterno nemico
che mai cede nella sua opera disgregativa dell'ordine
cosmico.
Opera necessaria al naturale esprimersi del disegno
evolutivo ma che non può superare il limiti dati dal disegno
stesso, le matrici dei gurdiani sempre vigilano perchè questo
non accada, un disequilibrio oltre misura potrebbe rappresentare
la distruzione del cosmo intero, uno scontro di masse
opposte innescherebbe una reazione a catena non più
controllabile che così come lo ha creato potrebbe farlo
implodere su se stesso, molti gurdiani sacrificano la loro
esistenza in ogni razza perchè questo non accada, solo
la matrice energetica saprà attraversare lo spazio infinito,
senza perdersi mai, per ripresentarsi quando la situazione
lo richieda e la giustizia dell'evoluzione sia minacciata
perchè ogni razza ha il diritto di scegliere il suo cammino,
non importa quanto lungo e difficile sarà, così è stato
scelto...........


eleon


.

Nessun commento: